Mission

 

liceo_10.gif liceo_6.gif liceo_7.gif liceo_8.jpg liceo_9.jpg

 

Il liceo Joyce è una scuola statale, laica e pluralista.


È una scuola giovane con una riconosciuta vocazione interculturale, vuole educare al rispetto e all’inclusione di tutti i soggetti nella scuola e nella società umana. Propone alle famiglie un patto formativo basato sulla partecipazione e l’assunzione di corresponsabilità educative. Il Liceo nasce a settembre 2000 come Sperimentazione Brocca autonoma ad indirizzo linguistico e socio- psicopedagogico e opera su due sedi : quella centrale in Via De Gasperi e quella succursale in via di Vallericcia. La titolazione a James Joyce conferma poi il profilo internazionale degli studi. Da allora e con l’impegno dei Dirigenti che si sono succeduti e dei Docenti che insegnano ed hanno insegnato nell’istituto il profilo della scuola ha acquisito uno spessore ed un’adesione sul territorio sempre maggiore. Il Liceo James Joyce si è gradualmente affermato come polo culturale dei Castelli: promuove iniziative formative, accoglie e ospita quelle proposte dal Ministero, dalla Provincia e da altri Enti territoriali e culturali. Il Dirigente Scolastico oggi è il Prof. Roberto Scialis, il Liceo è frequentato da oltre 1300 studenti. Ci sono 57 classi: 35 di indirizzo linguistico e 22 di indirizzo scienze umane. Il bacino di utenza è molto vasto, raccoglie molti comuni: i Castelli Romani, parte della litoranea e della zona tuscolana. La proposta del Liceo è quello di educare gli studenti a pensare liberamente ed a costruire il proprio progetto di vita nella società. I beni che offre sono immateriali: informazioni, idee, simboli, valori che si apprendono solo attraverso uno studio critico ed una educazione al pensiero autonomo. Formare un giovane che sappia orientarsi nella società della globalizzazione, significa interpretare il sapere come processo unitario, leggere il nuovo attraverso la memoria del passato,tra modernità scientifica e classicità. Lo studente del Joyce mentre apprende il passato studia il linguaggio culturale del futuro.